La Came passa al PalaTezze, derby ai trevigiani

Una Came cinica e spietata espugna il PalaTezze lasciando ancora una volta l’Arzignano a bocca asciutta. Cornice di pubblico da derby quella vista al PalaTezze e tanto tifo biancorosso a cercare di spingere la squadra di mister Lopez che parte bene nei primi minuti ma poi viene punita dal team trevigiano che mette in cascina il nono risultato utile di fila per salire in quarta posizione. Arzignano invece che viene raggiunto dall’Aniene vittoriosa in goleada sul Latina col Padova che occupa la prima posizione salvezza sempre distante cinque punti. Domani di nuovo in campo per la proibitiva trasferta in casa dei tricolori del Pesaro che comandano con autorità la graduatoria e che non faranno alcun sconto nemmeno ai vicentini. Biancorossi comunque finalmente al completo, squadra “vecchia” con tanta esperienza che dovrà tirar fuori dalla zona calda una società che non smette di credere e di inseguire l’obiettivo salvezza.
Cronaca. Parte bene l’Arzignano a far sognare una partita che poi però sorriderà solo alla Came che trovano il vantaggio dopo meno di due minuti con Azzoni lesto a mettere in rete la corta respinta di Pozzi. Pietrangelo dice no ad una punizione berica e Bertoni al 5’ firma il bis ospite servito al limite da un preciso Ugherani che trova il compagno smarcato a tu per tu col portiere arzignanese. Tra le fila beriche Marcio cerca di suonare la carica ma il suo rasoterra finisce a lato e la Came ringrazia al 9’ quando trova anche il tris di Juan Fran che senza accorgersene devia alle spalle di Pozzi un tentativo di tiro di Grippi sugli sviluppi di un corner. Gara in discesa per i trevigiani che al 12’ calano il poker con tiro dalla distanza di Grippi che si prende il gusto di firmare il tabellino con tanto di applausi. L’Arzignano abbozza alla reazione ma il palo di Leandrinho e l’ottimo Pietrangelo sbarrano la via del gol. Prima del riposo doppio legno Came con Belsito e Igor. Nella ripresa Lopez scuote i suoi e in campo si vede subito un altro Arzignano che nel giro di due minuti accorcia le distanze con Morillo che chiude in rete un’azione da manuale con assist di Simi. Una vampata che resterà tale perché Pietrangelo è perfetto e la fortuna in certi frangenti volta le spalle ai biancorossi che hanno ancora il tempo di subire la manita col gran gol di Juan Fran che salta mezza difesa e supera di giustezza Pozzi in uscita. Lopez cerca di colpire con la carta del portiere di movimento mandando in campo un quintetto d’attacco, ma nonostante Morillo nella metà campo trevigiana la Came si difende benissimo concedendo un solo tiro che termina abbondantemente a lato. Al fischio fiale fanno festa i tifosi trevigiani coi biancorossi che nonostante l’ennesima sconfitta si alzano in piedi per salutare l’uscita dei propri beniamini. Martedì a Pesaro e poi venerdì di nuovo al PalaTezze con la CMB, li servirà dare una svolta in fatto di punti.

ARZIGNANO-CAME DOSSON 1-5
ARZIGNANO: Pozzi, Leandrinho, Amoroso, Morillo, Simi, Tibaldo, Marcio, Dalla Costa, Panarotto, Kastrati, Claro, Vinicius, Molaro, Bastini. All. Lopez.
CAME DOSSON: Pietrangelo, Ugherani, Juan Fran, Igor, Schiochet, Belsito, Giuliato, Bertoni, Azzoni, Grippi, Ditano, Azzalin. All. Rocha.
ARBITRI: Di Resta di Roma 2 e D’Alessandro di Policoro.
RETI: pt 1’57” Azzoni (C), 4’51” Bertoni (C), 9’11” Juan Fran (C), 11’22” Grippi (C). St 2’06” Morillo (A), 14’49” Juan Fran (C).
NOTE: ammoniti Leandrinho (A), Amoroso (A), Simi (A), Vinicius (A), Marcio (A). Nessun tiro libero. Spettatori 700 circa.

Leave a Reply