Applausi biancorossi: la 19 ai sedicesimi scudetto

Fatta, missione compiuta! Quella che ad inizio girone di ritorno sembrava essere una pura chimera, cioè di entrare a far parte del tabellone play-off, non solo è stata centrata ma addirittura vincere la finale non era neanche largamente pensabile. Invece i ragazzi tutti, dal primo all’ultimo, hanno ingranato la marcia giusta durante il girone di ritorno, concludendolo con una bellissima cavalcata, culminata ieri sera nel catino del Palatezze, gremitissimo, con la vittoria in finale contro l’arcigno e duro Rovereto.
I numeri parlano chiaro di quanto snocciolato nella seconda parte di stagione: Su 13 incontri disputati 11 sono state le vittorie, 1 pareggio a Castelfranco Veneto contro la corazzata Giorgione e 1 sconfitta maturata a Chiuppano (che tutti ben sappiamo il motivo di tale caduta). Tutto questo ha portato la formazione biancorossa dell’Under 19 a chiudere in trionfo ieri sera questa splendido percorso, all’interno del quale i ragazzi di Mr. Boschetto sembrano aver ben appreso gli insegnamenti che il tecnico biancorosso ha impartito loro ed a esserne sempre più a loro agio; tecnico che, ieri sera dopo la partita, ricordava orgogliosamente che pur non essendo stato una dei migliori match, più che altro nel secondo tempo, elogiava i suoi giocatori per l’attaccamento dimostrato alla maglia, per la capacità di soffrire anche per il compagno e per la forza di volontà messa in campo al fine di portare a casa la vittoria dopo una partita giocata a ritmi alti e con il coltello fra i denti. Sempre Mr. Boschetto ricordava che l’ultima formazione ad essere arrivata al tabellone nazionale presentava tra le proprie fila nomi quali Rosa, Marzotto, Concato, Houenou, Dal Maso, Tumiatti A., Joao Brancher, Kanchai, Salamone tutti protagonisti importanti della storia giovanile biancorossa.

Spazio alla cronaca.
Si inizia puntuali alle 19,00 al Palatezze, con un bellissimo colpo d’occhio che fra luci e ombre della sera la fanno diventare una serata speciale. Il tutto condito da numerosi spettatori sulle tribune, con buona e rumorosa rappresentanza ospite, che durante lo svolgersi della gara andrà ad ingrossarsi sempre più.
Per l’occasione in total black l’Arzignano e in bianco completo il Rovereto. Arzignano orfano di Mister Boschetto e del centrale difensivo Singh, entrambi causa squalifica rimediata domenica scorsa contro il Cornedo. In panca allora và il suo vice Trattenero, per l’occasione affiancato da Marcio Brancher.
Subito scoppiettante la partenza con una buona occasione per l’Arzignano che di poco non va a bersaglio ma, su capovolgimento di fronte, gli ospiti vanno in vantaggio già al 1^ dopo una leggera indecisione a centrocampo degli arzignanesi. Lo svantaggio però non abbatte l’orgoglio e lo spirito biancorosso, anzi. L’Arzignano reagisce di rabbia e nel giro di due minuti prima con Tumiatti L. e poi con Lazri confezione due nitide palle gol. Biancorossi sempre in spinta offensiva alla ricerca del pareggio, che puntuale arriva al 5^ con Tumiatti L. che, sfruttando una boa ottimamente fatta dal pivot Boschetto, calcia di prima intenzione in diagonale; il pallone sbatte sul palo ed entra in rete per la gioia dei colori biancorossi. L’aver agguantato la parità galvanizza l’Arzignano e tre minuti dopo, su schema di calcio piazzato, Gennarelli scarica in rete un gran pallone a mezza altezza sul quale nulla può il numero uno avversario.
Sorpasso 2 a 1, euforia in campo, in panchina e in tribuna!!!
Il Rovereto colpito in centottanta secondi da questo terribile uno-due fatica e la difesa ha i suoi problemi nell’arginare le folate dei padroni di casa. In rapida successione Tumiatti L., Gennarelli e Boschetto potrebbero addirittura a portare a tre il computo delle reti che per quanto visto in campo durante le fasi di gioco non sarebbe per nulla demeritato.
Termina la prima frazione giocata da entrambi le formazioni ad un ritmo veramente alto considerando che siamo a fine stagione di un lungo campionato.
Inizia la ripresa e non può essere migliore partenza!!! Al primo minuto di gioco Gennarelli, dopo aver subito lui stesso il fallo, piazza un tiro di punizione all’incrocio dei pali dove arrivare per l’estremo ospite è pressoché impossibile, portando il risultato sul 3 a 1 per i padroni di casa.
Sembra fatta ma il Rovereto, seppur colpito a freddo, non molla e da ottima squadra qual’è prende in mano il pallino del gioco e costringe l’Arzignano sulla difensiva; padroni di casa che per diversi minuti faticano ad uscire dalla propria trequarti e, seppur squalificato, dalla tribuna Mr. Boschetto, il vice Mr. Trattenero assieme a Marcio, si sgola con i suoi predicando calma e di eseguire giocate facili. I suoi ragazzi, reduci anche dalla partita thrilling e dispendiosa di domenica contro il Cornedo, vanno qualche volta in affanno e il Rovereto ha due/tre occasione che avrebbero permesso di diminuire lo svantaggio ben prima, ma un pò per sfortuna e un pò per qualche bella parata di Gonella, il risultato non si schioda. Batti e ribatti e il goal avversario arriva al 17^ quando l’arbitro concede un rigore dopo un fallo di mani in area vicentina. 3 a 2 a tre minuti dalla fine. A quel punto il finale diventa veramente emozionante con gli ospiti che tentano la carta del portiere di movimento per arrivare al pareggio, ma questa sera l’Arzignano non molla neanche di un centimetro su nessuna palla e i Mister arzignanesi saggiamente inseriscono nel finale i portatori di palla più esperti facendo calare ritmo e per spezzare le ultime energie nervose dell’ottimo Rovereto.
Complimenti a tutto l’Olympia Rovereto perchè si è dimostrata squadra ben costruita mescolando alto tenore fisico e buon tasso tecnico.
Scade il tempo, fischia l’arbitro, Arzignano in cielo e festa in campo con ammucchiata tra giocatori, dirigenti e Mister. Festa che continua nello spogliatoio per celebrare la vittoria play-off con automatico pass per accedere ai 16mi di finale del girone nazionale, facendo parte delle trentadue squadre migliori di tutta Italia; ci piace ricordare che ad inizio stagione, divise nei vari gironi, c’erano iscritte 132 squadre. Ora ne sono rimaste 32 e ci siamo anche noi!!!
Ora appuntamento tutti a tifare Arzignano Domenica 14 Aprile al PalaTezze alle ore 11.00 contro l’Imolese Kaos per la partita di andata dei sedicesimi di finale.
FORZA 19!! FORZA ARZIGNANO!!! SOGNARE SI PUO’!!!

ARZIGNANO-OLYMPIA ROVERETO 3-2
ARZIGNANO
: Negro, Gonella, Tumiatti L., Balabanovic, Tumiatti G., Zarantonello, Gennarelli, Boschetto G., Fongaro, Lazri, Bicego. All. Trattenero/Brancher.
OLYMPIA ROVERETO: Rizzardi, Carella, Cristel, Onzaca, Degiampietro, Tonini, Filz, Minati, Mozzi, Fasanelli, Baroni. All. Zanini.

Leave a Reply