Applausi 19: inizio vincente

Inizia con una vittoria il nuovo anno della formazione Under 19 ma che batticuore.
Riparte il campionato con l’inizio del girone di ritorno proponendo subito un “classico” tra Arzignano e Vicenza e da buon derby la partita non ha tradito le attese anzi da non vedere per i deboli di cuore. Andiamo però con ordine iniziando a rilevare il buonissimo numero di presenti sulla tribune del Palatezze a testimonianza cha la partita era sentita da entrambi le parti anche per la presenza di qualche ex nelle fila degli arzignanesi.
Fase di studio all’inizio della partita dove entrambi in quintetti rimangono coperti per paura di prendere gol e quindi con inizio in salita, ma l’Arzignano dopo circa tre minuti su azione di schema da calcio di punizione presenta Zarantonello davanti al portiere ma l’otto di casa fallisce l’aggancio del pallone e sfuma così una ghiotta azione gol.
La squadra di Ranieri a quel punto comincia ad alzare il ritmo e dopo un aio di buone opportunità al 7^ va in vantaggio con pivot Gennarelli il quale è lesto a raccogliere al limite dell’area una corta respinta della difesa ospite trafiggendo l’estremo vicentino con un rasoterra a fil di palo.
Dopo il vantaggio l’Arzignano avrebbe subito l’occasione di raddoppiare ma su tiro di Boschetto su azione di calcio d’angolo il portiere del Vicenza devia negando così la gioi a del gol al 10 di casa; passano solamente quattro minuti e al 12^ ancora Gennarelli, dopo un’azione travolgente da parte di Pizarro su cross di quest’ultimo appoggia comodamente in rete per il giusto doppio vantaggio. A onor di cronaca gli avversari avevano colpito un palo con tiro da lontano leggermente deviato dal portiere arzignanese.
La squadra di casa a quel punto galvanizzata dalle reti insiste con il bel gioco e buoni schemi che porta al 14^ in rete capitan Bertinato dopo un’azione tutta giocata di primi passaggi che lascia di stucco difesa e portiere avversario, davvero bello!
Non contento l’Arzignano letteralmente schiaccia nella propria area il Vicenza, dimostrando ancora una volta che i ragazzi di Mister Ranieri iniziano a capire e mettere in pratica ciò che caparbiamente l’argentino spiega durante la settimana e al 19^ va sul quattro a zero con l’ex Pizarro (nella foto) con un bolide che si va ad insaccare in diagonale sotto la traversa. Si va quindi al riposo senza prima non dimenticare per la cronaca la clamorosa palla gol fallita da Mizane proprio allo scadere.
Inizia la seconda frazione di gioco con il cambio dei portieri locali Baronio che sostituisce Stepic e solamente al 1^ l’Arzignano con un colpo di tacco, ancora di capitan Bertinato, su azione di schema da calcio di punizione porta a cinque il conteggio dei gol.
A quel punto i “blues” un po’ si addormentano pensando e sbagliando di aver chiuso la partita e a tal conto subito il Vicenza accorcia le distanze anche se all’8^ ancora Pizarro dopo una bella zione personale porta a sei il quoziente reti.
Però il calcio a 5 è uno sport unico e in dieci minuti dal 9^ al 19^ di vera e pura follia l’Arzignano riesca a buttare al vento una partita dove la storia era finita facendosi raggiungere sul sei a sei al 19^ dopo una serie infinita di errori sia in difesa sia in attacco.
A quel punto con un minuto di gioco ancora da giocare, Mr. Ranieri forte della sua lunga e forte esperienza da giocatore di questa disciplina lancia subito come arma a sorpresa il portiere di movimento e a tredici secondi dalla fine, con una grinta inaspettata, i giocatori arzignanesi confezionano con Pizarro – seconda tripletta per lui in altrettante partite – la rete del sette a sei che manda in paradiso l’Arzignano e all’inferno il Vicenza. Onore a Zarantonello il quale attende con la palla fra i piedi in quei secondi concitati, il piazzamento del compagno per servire una comoda sfera da appoggiare in rete.
Finita: macchè neanche a dirlo, Singh preso dall’esultanza e dall’estasi del nuovo vantaggio si becca il secondo giallo e quindi espulsione e il Vicenza a sua volta lancia nella mischia il portiere di movimento e si crea una situazione dove l’Arzignano difende in tre e gli ospiti attaccano in cinque ma ormai i secondi passano inesorabili e l’ottimo arbitro direttore della partita fischia tre volte la fine con grandissima esultanza in campo di tutti i giocatori e staff della 19 di casa e grande scoramento da parte del Vicenza. Incredibile davvero!
Un bel bravo all’Arzignano per il bellissimo primo tempo, da rivedere il secondo dove si sono visti parecchi errori dovuti anche all’inesperienza della giovane formazione di casa. Appuntamento domenica prossima nel difficile catino per un altro dery vicentino contro il quotato Carre’ Chiuppano.
ARZIGNANO-VICENZA 7-6
ARZIGNANO: Stepic, Mizane, Singh, Bertinato, Fraccaroli, Povoleri, Pangallo, Zarantonello, Gennarelli, Boschetto, Pizarro, Baronio. All. Ranieri
VICENZA: Fabris F., Fabris E., Perobelli, Feliciano Wendel, De Boni, Mian, Bonomelli, Ambrosini, Chahid, Parolin. All. Zeppa

Leave a Reply