Fratelli Bari sul mirino dell’Arzignano

Biancorossi a caccia della settima vittoria in campionato per tenere saldo il secondo posto in classifica e non perdere di vista il primato del PesaroFano. Arzignano chiamato alla sfida non semplicissima contro un Fratelli Bari Reggio Emilia reduce da quattro risultati utili consecutivi, due vittorie e due pareggi che hanno riportato serenità alla rosa di mister Checa che al PalaTezze deve comunque cercare di fare bottino pieno per lasciare uno dei posti rossi della classifica, ad oggi gli emiliani sono quart’ultimi con nove punti solo tre in più rispetto alla zona retrocessione. Alle 16.00 in palio dunque punti importanti per entrambe le contendenti, ma in casa Arzignano si può pensare solo ed esclusivamente al bottino pieno per, se possibile, aumentare il vantaggio sulla quinta in classifica in ottica Coppa Italia, alla final eight passano le prime quattro. Mister Stefani dovrà però fare a meno di due big, il primo è Amoroso sicuro di sedersi in tribuna per scontare la giornata di squalifica, il secondo invece verrà scelto tra i quattro soliti papabili. Recuperato invece Major che si era fermato dopo il successo con l’Orte per una tonsillite, il portoghese al ballottaggio con Santana, Canto e Javaloy per non andare in tribuna con quest’ultimo che scalpita per riprendersi una maglia dopo il forfait di sabato scorso. Urbani ha qualche problema alla mano ma sarà del match, come lo saranno capitan Marcio, Manzalli e Yabre (questi due nella foto con Santana).
Tra gli avversari attenzione massima sugli oriundi Costa e Salerno entrambi protagonisti nelle ultime sfide a punti degli emiliani. Nel successo rotondo, 7 a 1, al Ciampino si è visto anche il debutto in serie A2 del giovane portiere del 1995 Thomas Castellini, numero uno che ha subito destato buone impressioni e che cercherà di fermare l’attacco biancorosso terzo migliore del girone con l’Arzignano che vanta con merito la miglior difesa del torneo.
Ad arbitrare il match sarà la coppia campana formata da Enrico Pagano di Torre Annunziata e Giuseppe Galasso di Avellino, al crono Manuel Urban della sezione di San Donà di Piave.

Leave a Reply